WhoZWho Live



Il Ponte Di Remagen >>> http://urllie.com/ogwuo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un film di guerra molto ben fatto. Non tenta di glorificare la guerra, né lo fa, come tanti altri film, a schierarsi. Ha una stella importante da entrambe le parti, George Segal per gli americani e una performance impressionante di Robert Vaughn per i tedeschi. Gli altri membri del cast, meno noti a me, danno prestazioni eccellenti, che vanno dai soldati stanchi rappresentati dal sergente Angelo, dal capitano tedesco non collaudato Baumann e dall'egoista Major Barnes.

Quanto bene Mi occupo di accuratezza storica. Sono incerto, ma credo che sia abbastanza vicino. Sì, ci sono alcuni errori, ma una volta che l'azione inizia e non sei mai abbastanza sicuro di cosa succederà dopo, puoi perdonarli.

Tutto sommato, un film molto bello. 9/10 Famoso per i suoi problemi di produzione in stile Apocalypse Now. Girato in allora Cecoslovacchia, dove l'allora governo comunista offrì un'intera città (che sarebbe stata ripulita per far posto a una miniera) per la distruzione cinematografica. Ma a metà strada le riprese dell'esercito russo invasero per rimuovere il presidente riformista Alexander Dubcek. George Segal e Robert Vaughn danno migliori prestazioni alla carriera, ma segna anche il momento in cui i film di guerra statunitensi vanno oltre l'azione-avventura e in un regno più oscuro. La cattura del ponte Remagen nel 1945 fu una magnifica impresa armata dall'esercito statunitense. Ma nel racconto del film le truppe sono sciabolate, spesso terrorizzate, che squarciano e colpiscono i loro ufficiali, rubando cadaveri e uccidendo bambini. Non si tratta affatto della seconda guerra mondiale, ma di quanti americani hanno visto la guerra del Vietnam. The Bridge at Remagen è fuori tempo, ambientato nel 1945 ma realizzato nel 1968, l'anno dell'offensiva del Tet, quando gli Stati Uniti si resero conto che il Vietnam era una guerra persa. Mostra.
La parte interessante dello sfondo del film è che è stato girato prima e durante l'invasione del Patto di Varsavia in Cecoslovacchia nel 1968. Il ponte nel film è sul fiume Moldava a Davle, a sud di Praga. L'ho visitato un mese fa. Quando ci si alza su di esso sembra molto più stretto rispetto al film. In realtà era un ponte stradale, la ferrovia è stata costruita come set per il film. I resti del tunnel ferroviario, la cui entrata è stata anche costruita per il film, sono visibili dietro una vera ferrovia che corre perpendicolare al ponte e parallela al fiume lungo la sua riva orientale. Oggi funge da ponte pedonale. Non riesco a caricare un'immagine qui, ma qui c'è una sul web scattata durante le alluvioni del 2002: http://img.radio.cz/galerie/povodne_prehrady/davle_most1.jpg
Ho guardato per la prima volta il Bridge su Remagen in TV circa 30 anni fa, e sono stato abbastanza felicemente guardato di nuovo questa sera per la quarta volta. È un film ben scritto che fa un lavoro encomiabile nell'ottenere l'ambientazione giusta, iniziando con l'ampio sparo del ponte al centro dell'azione. Ci sono dei bei tocchi durante tutto il film. In una delle prime serie, il comandante tedesco riceve l'ordine di far esplodere il ponte che, a sua conoscenza, intrappolerà le sue truppe sul lato sbagliato del fiume; nel frattempo il comandante americano dice al suo staff di non preoccuparsi nemmeno del ponte perché presume che sia i tedeschi sia i bombardieri alleati lo distruggeranno comunque. Ciò fornisce una sottile dichiarazione sulla futilità della guerra in cui due eserciti combatteranno una battaglia per il controllo di un ponte che apparentemente nessuno vuole.

Le sequenze di battaglia sono ben messe in scena, e ai personaggi principali viene data una profondità sufficiente per far funzionare il film come un dramma umano. Un cavillo che ho del film è l'età degli attori. In media, i GI americani nella seconda guerra mondiale sarebbero stati intorno ai venticinque anni, eppure quasi tutti gli attori che interpretano un soldato americano in questo film sembrano essere tra la metà e la fine degli anni '30 (Bo Hopkns è un'eccezione degna di nota). Ben Gazzara e George Segal si stavano avvicinando alla quarantina quando questo film è stato realizzato e loro lo guardano, in particolare Gazzara. Diminuisce da un film altrimenti forte quando si dà l'impressione che i soldati statunitensi stiano combattendo contro la mezza età e contro i tedeschi. Il regista americano John Guillermin, noto per diversi epici "clunkers", unisce questo aspetto piuttosto teso a una delle più importanti battaglie della Seconda Guerra Mondiale: le forze americane si scontrano con i tedeschi a Remagen, dove si trova l'ultimo ponte intatto sul Reno tra le due forze opposte.

La sceneggiatura divide l'attenzione in modo equo e imparziale tra le due forze. George Segal ("The Longest Day") è il tenente Hartman, un giovane ufficiale bruciato e piuttosto stanco che non vuole accettare le responsabilità di comando quando il comandante della sua compagnia viene ucciso. La guerra è quasi finita e Hartman si preoccupa di riportare a casa i suoi uomini. Dall'altro lato del fiume, il maggiore tedesco Kreuger (Robert Vaughn) è ugualmente preoccupato di salvare vite - vite tedesche. Diventa ossessionato dal mantenere intatto il ponte per permettere ai soldati tedeschi in ritirata di attaccare, nonostante gli ordini dell'Alto Comando di far saltare in aria il ponte per impedirne la cattura da parte degli Alleati.

Il cast di supporto è pieno di belle prestazioni. Gli standouts sono Hans Christian Blech ("Battle of the Bulge") come Captain Schmidt, un stanco ufficiale della Wehrmacht che sente il suo dovere proteggere i civili che Kreuger mette in pericolo continuando una lotta senza speranza. L'abilità recitativa di Blech spazia dall'umiltà silenziosa agli attacchi occasionali di rabbia, portando una dimensionalità a un ruolo che non si trova comunemente nelle poesie di guerra. Joachim Hansen (& quot; Breakthrough & quot;) non è d'accordo con Schmidt; è devoto all'Alto Comando e vuole una battaglia con gli americani più di ogni altra cosa. Entrambi gli attori portano passione nei loro ruoli e rendono questi molto credibili ufficiali di guerra, non semplicemente normali caricature e stereotipi.

Guillermin prende questi personaggi e li mette in situazioni di combattimento intense, rendendo la loro umanità ancora più credibile. La scena di battaglia migliore del film ha un plotone di soldati americani che avanzano sul ponte sotto una cortina fumogena, ma mentre sono all'aperto, il fumo comincia a sparire dando ai tedeschi un chiaro campo di fuoco. Mentre alcuni uomini vengono sparati all'aperto, altri si muovono sotto il ponte per cercare di strappare il maggior numero possibile di esplosivi prima che i tedeschi possano accendere una miccia secondaria per far esplodere il ponte.

Al termine di scene di battaglia come questa, il dramma umano si svolge. Sgt. Angelo (Ben Gazzara, "Fireball Forward") è un GI difficile che saccheggia i cadaveri dei morti e vede la guerra intorno a sé come un'opportunità per diventare ricchi e portare a casa la ricchezza quando è tutto finito. Ma quando deve sparare a un membro della Gioventù Hitler che sta tirando i suoi uomini, poi piange quando si rende conto di aver sparato a un semplice ragazzo pre-adolescente. Durante una pausa durante l'assedio sul ponte, Hartman affronta Maj Barnes (Bradford Dillman), che vuole che porti i suoi uomini sul ponte e catturarlo nonostante il fuoco nemico e la minaccia dell'imminente distruzione del ponte. Hartman sostiene che non può rischiare la vita dei suoi uomini; Barnes afferma che contribuirà a porre fine alla guerra più velocemente se il ponte verrà catturato, salvando così più vite alla fine. È una scelta difficile da prendere, e entrambe le decisioni hanno i loro svantaggi.

Le prestazioni sono accompagnate da tre elementi tecnici cruciali: punteggio, scenografia e cinematografia. Elmer Bernstein fornisce una colonna sonora che risuona con le truppe quando sono vittoriosi, eppure piange e sembra piangere durante alcune scene strazianti, come una scena importante tra Angelo, Hartman e Schmidt a conclusione del film.Le location ceche sembrano magnifiche - il film sembra reale perché è stato girato in Europa, in un luogo che passa per la Germania perfettamente. Le strade di ciottoli, i villaggi rustici, le dolci colline e i limpidi fiumi sembrano incredibili. Infine, la cinematografia di Stanley Cortez è fantastica; la composizione di ogni scatto sembra ben pianificata e dettagliata. C'è azione in corso in background e in primo piano la maggior parte del tempo. L'attenzione non è solo sui personaggi principali, ma come nella vita reale, c'è qualcosa che li circonda. Le scene della battaglia sul ponte sono straordinarie, poiché l'azione viene catturata da ogni possibile angolazione, è molto chiaro cosa sta succedendo e chi è dove è in ogni momento.

"The Bridge at Remagen" è un bel film della seconda guerra mondiale che riesce a mostrare allo stesso tempo la storia, il patriottismo americano e gli orrori della guerra. Ti lascerà contento che gli Alleati abbiano vinto la guerra e si siano tormentati per l'enorme costo di questi piccoli guadagni. Ma quando ti rendi conto di quanto un "piccolo" guadagna davvero le cose nel quadro generale, non sembrerà più così piccolo.
In the last days of World War II, the Allied Army desperately searched for a bridgehead across the impenetrable Rhine River, in order to launch a major assault into the center of Germany. "Bridge

3a43a2fb81

Sei solo, agente Vincent full movie download in italian hd
Farscape: The Peacekeeper Wars movie in italian dubbed download
Battlefield Hardline online free
Download the Explorer full movie italian dubbed in torrent
full movie download in italian hd
Never Surrender full movie free download
Il pi forte del mondo download
Space Force full movie hd download
Super Girl scaricare film
You Only Live Once download movie free

Views: 1

Comment

You need to be a member of WhoZWho Live to add comments!

Join WhoZWho Live

© 2019   Created by WhoZWho Live.   Powered by

Badges  |  Report an Issue  |  Terms of Service